DODECAPOLI

Un viaggio nel passato.

 

 

Altri tempi
La Via dell'Ardesia
o

 

Cava3.jpg (130324 byte)
Ingresso di una cava
Laboratorio1.jpg (77061 byte)

Un vecchio laboratorio

Pavimento1.jpg (86160 byte)

Un classico pavimento ligure

Clicca sulle immagini per ingrandirle

o

SCRIVETE A:

info@dodecapoli.com

-

MAPPA DEL SITO

 

La vallata del torrente Lavagna Ŕ nota nel mondo per la produzione di ardesia. Questo materiale lapideo viene escavato da tempi remotissimi: sono di ardesia le lastre che delimitano le sepolture della necropoli ligure di Chiavari, che risale al VII secolo a.C. Anticamente la zona di estrazione era pi¨ vicina alla costa. Nel secolo scorso sono invece state attivate molte cave nell'entroterra. Bisogna ricordare che l'ardesia, in Italia, si trova solo qui ed in provincia di Imperia. Questa pietra trova impiego in edilizia, per raffinate coperture di tetti, elementi di architettura, arredamento ed oggettistica. Ma l'impiego per il quale risulta insostituibile Ŕ nella costruzione di piani per bigliardo: sotto il classico panno verde, lastre di ardesia accuratamente lavorate garantiscono la perfetta planaritÓ del tavolo. Nel mondo non vi sono molte cave di ardesia e quella italiana Ŕ la migliore: i pi¨ rinomati bigliardi, particolarmente quelli americani, hanno il piano costruito in Italia. Recentemente Ŕ stato costituito un interessantissimo Museo dell'ardesia, che ne illustra tutti gli aspetti. La particolaritÓ di questa istituzione Ŕ dovuta al fatto che il Museo non si trova fisicamente in un sol luogo, ma in vari siti. Il punto di partenza Ŕ una sede museale tradizionale, ricavata in un antico stabilimento completamente restaurato. Da qui parte un tour che comprende visite a cave antiche, laboratori ed al museo civico di Cicagna, che ospita reperti a partire dalla preistoria.

Le localitÓ che ospitano le varie "tappe" sono, nell'ordine: Chiapparino, Isolona, Ferrada, Aveno e Cornia. La vallata si raggiunge facilmente uscendo al casello di Lavagna dell'Autostrada Genova-Livorno. Si gira a destra appena giunti sulla viabilitÓ normale, seguendo le indicazioni per Carasco. Attraversato il ponte sul fiume Entella inizia la vallata ed in pochi minuti si raggiunge Chiapparino, da dove iniziare la visita. Visite guidate partono inoltre dal Museo diverse volte al giorno.