DODECAPOLI

Un viaggio nel passato.

 

 

Altri tempi
dunarobba
o

 

Dunar185.jpg (112619 byte)
Dunar188.jpg (82637 byte)
Dunar192.jpg (71020 byte)

Clicca sulle immagini per ingrandirle

o

SCRIVETE A:

info@dodecapoli.com

-

MAPPA DEL SITO

 La località di Dunarobba si trova presso Avigliano Umbro, in provincia di Terni. Qui è venuta alla luce una foresta fossile che presenta caratteristiche uniche. Infatti i tronchi sono stati inglobati nell'argilla che li ha conservati fino ai nostri giorni in posizione eretta, anzichè adagiati al suolo, come in tutti le altre foreste. Inoltre il legno non è pietrificato, ma ha mantenuto le caratteristiche originali, sebbene sia ovviamente intriso di argilla. I tronchi di Dunarobba hanno dimensioni variabili, ma sono tutti molto grandi. I più piccoli misurano un metro e mezzo di diametro, ma si arriva anche a dodici metri. La parte che emerge dal suolo misura fino ad otto metri di altezza, ma mediante carotaggi si è rilevata un'altezza di oltre 25 metri ancora sepolta nell'argilla. Le piante sono le antenate delle sequoie attuali: in vita misuravano fino ad 80 metri di altezza. L'origine della foresta si colloca nel Pleistocene, circa 2.000.000 di anni fa. Quella che sarebbe divenuta la valle del fiume Tevere era all'epoca un enorme lago, al quale è stato dato il nome di lago Tiberino. La foresta sorgeva sulle rive di questo lago, dove allora vi era un clima di tipo nordico. La catastrofe che la fece sprofondare nell'argilla avvenne quando le piante avevano un'età misurabile in millenni. L'ultima fotografia della serie è di scarsa qualità perchè è la riproduzione di un originale assai deteriorato,(siamo disponibili a riconoscere la paternità all'Autore o ad eliminarla dal sito) ma è l'unica immagine che abbiamo potuto trovare che mostra parte della foresta prima dei lavori di conservazione. Questo è il grande problema con il quale sono attualmente alle prese i ricercatori. Gli agenti atmosferici stanno rovinando irreparabilmente la parte dei tronchi che emerge dal suolo e si sta tentando di porre rimedio. Vi sono ancora moltissimi alberi che non vengono portati alla luce proprio per non danneggiarli. Quando si potrà (in un futuro non molto prossimo, stando alle dichiarazioni) ammirare la foresta nella sua interezza sarà uno spettacolo unico al mondo.