DODECAPOLI

Un viaggio nel passato.

 

 
Città etrusche
VEIO
Torna agli ETRUSCHI

o

Minerva2.jpg (87402 byte)

La storia di Veio è strettamente collegata allo sviluppo di Roma. Situata a soli 17 chilometri di distanza, le due città vennero presto in contatto e poi in contrasto, fino alla conquista di Veio da parte di Furio Camillo, nel 396 a.C.

Nello stesso anno, come ci ricorda Plinio, la città etrusca di Melpum, situata in un luogo non ancora identificato della pianura padana, venne distrutta dai Celti: forse una simbolica data di inizio del declino della potenza etrusca può essere proprio questa.

La tradizione vuole che Veio fosse completamente rasa al suolo, ma ciò non corrisponde al vero: la città fu costantemente abitata e nel primo periodo imperiale conobbe anche un notevole sviluppo. Poi iniziò la decadenza, per giungere al completo abbandono nel V secolo d.C.

 

Il parco archeologico di Veio si trova a nord di Roma, nei pressi della via Cassia: oltrepassata la località La Storta, dopo poco si gira a sx (procedendo in direzione S-N) in direzione di Isola Farnese.

 

 

Santuario del Portonaccio
Altare2.jpg (124457 byte)
Altare presso il Santuario
Mura2.jpg (171567 byte)
Resti di mura urbiche
-

Clicca sulle immagini per ingrandirle

-

SCRIVETE A:

info@dodecapoli.com

-
MAPPA