DODECAPOLI

Un viaggio nel passato.

 

I Liguri
VALLE LAGORARA
Torna ai Ligurio

 

Lagor474.jpg (128981 byte)
Lagor471.jpg (157756 byte)
Lagor469.jpg (124283 byte)
Vedute della cava
0

MAPPA DEL SITO

0
Clicca sulle immagini per ingrandirle
-

SCRIVETE A:

info@dodecapoli.com

La valle di Lagorara è determinata dal fiume omonimo, in provincia di La Spezia, ed è facilmente raggiungibile. Tutto il territorio circostante è molto bello, la natura reca pochissime tracce di presenza umana recente. Sono state invece trovate, pochi anni fa, importanti tracce di presenze preistoriche. Si tratta di una cava di diaspro rosso, dalla quale i nostri antenati ricavavano utensili taglienti, soprattutto punte di freccia. La cava è stata in attività per lunghissimo tempo. Grazie ad analisi al radio-carbonio, è stato possibile determinare il periodo di utilizzo, che va dal 2920 al 1890 a.C. Si calcola che siano state estratte alcune migliaia di tonnellate di materiale, ritrovato anche a distanze considerevoli (per l'epoca) dal luogo di estrazione. La lavorazione fu facilitata dal fatto che in zona sono presenti rocce dure e pesanti, quale il ferro-gabbro,  adatte a costruire utensili con i quali estrarre il diaspro. Questi utensili erano costituiti da pietre appuntite, talvolta dotate di una scanalatura nella quale era inserito un manico di legno. Oggi sono ancora visibili le superfici di estrazione, così come furono lasciate dai nostri antenati. Il sito, assai interessante sia dal punto di vista naturalistico che archeologico, è reso fruibile da una esauriente serie di tabelle esplicative, collocate lungo tutto il percorso.