Nel 1275 il grande feudo malaspiniano di Filattiera venne smembrato e il castello di Agnino rientrò fra i possedimenti che furono assegnati al marchese Francesco Malaspina di Olivola. È questa la documentazione più antica del castello, la cui storia rimane oggi in gran parte sconosciuta. (Fonte: Guida storico-architettonica dei castelli della Lunigiana toscana).