Uno scorcio della fortezza

Uno scorcio della fortezza

La fortezza fu costruita verso la fine del ‘500 dal Duca Alfonso II per offrire alla città un sicuro rifugio e difesa in caso di attacco e assedio. E’ formata da una lunga cinta muraria con sette baluardi collocati in modo asimmetrico per adeguarsi alle caratteristiche del terreno. All’ interno erano collocati gli edifici destinati alle truppe e agli ufficiali; oggi ne rimangono solo sette, tra cui spiccano, per aver conservato le caratteristiche cinquecentesche, la casa detta “del capitano” e l’alloggiamento delle truppe, con l’ampio porticato e il pozzo in pietra di rara bellezza. Ad ovest si trova il baluardo della casamatta, un sottopassaggio che collegava la fortezza con gli spalti, oggi inagibile. La fortezza fu poi carcere, con un distaccamento di veterani e un ufficiale presenti fino al 1859. Successivamente, perdute le funzioni difensive, fu adibita all’agricoltura e alla pastorizia. Oggi la fortezza, tornata di proprietà pubblica, è stata destinata ad area ricreativa e culturale. Fonte: Comune di Castelnuovo di Garfagnana.