Una torre del castello

Un “Oppidum Murolum” risulta dalla Bolla di Papa Urbano II dell’ agosto 1088, con la quale Pietro, Vescovo di Anagni, veniva investito del possesso. Passato ai Colonna il Castello dei Meroli, venne cinto di mura e nella parte piu’ alta venne costruita una vasta e munita Rocca. Nel 1216 Tommaso da Morolo, assali’ e distrusse parte del territorio di Giovanni conte di Ceccano. Poco tempo dopo il conte di Ceccano distrusse a sua volta la rocca di Morolo. Nel 1610 Marco Antonio Colonna concesse lo statuto alla comunità morolana e nel luglio del 1739 Fabrizio Colonna lo modificò con clausole più favorevoli alla popolazione. I Colonna mantennero il dominio su questo territorio fino all’abolizione dei feudi. Fonte: Comune di Morolo.